Coronavirus, l’errore degli “assistenti civici”: in 60mila col compito di fare i guardoni

 

Avranno la fascia tricolore al braccio? Oppure il giubbotto catarifrangente, di quelli in uso sulle strade? E il fischietto? E il berretto?

Ci sono tanti modi per sbagliare, e altrettanti per spendere i soldi. Ma in un colpo solo l’idea del ministro per le Regioni Francesco Boccia e dell’Anci, rappresentata da Antonio Decaro, le unisce e le collega. Assumere, speriamo a tempo determinatissimo, sessantamila cosiddetti “assistenti civici”, assegnandogli il compito di fare i guardoni, i custodi del buon costume (distanziamento e mascherina) anti Covid è un’idea sbagliata.

Sia Boccia che Decaro, tra l’altro due politici pugliesi, sanno che l’Italia è già presidiata dal numero più alto in Europa di militi in rapporto alla popolazione. Abbiamo la polizia urbana, quella provinciale, quella venatoria, quella forestale, quella sanitaria, quella stradale, quella statale. E poi i carabinieri, e poi la guardia di finanza, e poi l’esercito per garantire le cosiddette “strade sicure”. Bisognerebbe infatti chiedersi come mai a tanta dotazione di pubblica sicurezza corrisponda un generale tasso di elevata insicurezza.

Immaginare adesso di aggiungere a questo calderone di pubblici ufficiali anche sessantamila vigilanti senza arte né parte, trasformarli un po’ in pasdaran dello Stato etico, giudizioso, responsabile, pare una formidabile minchiata.

Da: ilfattoquotidiano.it

Invochiamo lo Stato di diritto, ma nei fatti preferiamo lo Stato di rovescio

 

Ultime notizie. E’ appena stato arrestato in Sicilia il manager “anti tangenti” Antonino Candela. E’ accusato di aver intascato mazzette per 260mila euro per una serie di forniture elettromedicali. Sembra un paradosso, una fantasticheria, ma purtroppo noi italiani siamo abituati a queste prove straordinarie della privata immoralità. Sappiamo che è possibile, non fatichiamo a crederci.

Perciò quando parliamo dell’efficienza degli altri Stati, dei soldi che in tempi di pandemia arrivano a chi ne ha bisogno in pochi giorni, anzi in poche ore, dei cantieri che si aprono in tempo e si concludono in tempo, facciamo finta di non sapere chi siamo e soprattutto dove viviamo.

In Svizzera, in Germania, nella maggioranza degli altri Paesi, il rapporto di fiducia tra lo Stato e i cittadini, è ancora integro. L’uno si fida dell’altro in una misura non paragonabile alla nostra. Se da noi lo Stato esibisce nei suoi ranghi personaggi così opachi, è ragionevole che la nostra stima per l’operato pubblico si riduca enormemente. Sfiducia ben corrisposta. Perché le forniture fraudolente, così come le autodichiarazioni false, le situazioni di disagio personale artefatte (quelle dei redditi non ne parliamo proprio), conducono ciò che resta dello Stato a puntellare con una miriade di prove della verità ogni volta che affermiamo un bisogno, finanche un diritto.

E così l’efficienza diviene deficienza, le regole si trasformano in gabbie invalicabili, la velocità della risposta pubblica un’idea bella e impossibile.

Per avere cento euro un cittadino svizzero deve attendere tre giorni, un cittadino italiano tre mesi.

Quel che è incomprensibile però è perché ci intestardiamo a voler emulare le migliori pratiche, quando noi stessi, in una quota considerevole, siamo pronti e così ben disposti verso le cattive?

Perché, dunque, invochiamo lo Stato di diritto se mostriamo con i fatti che ci piace così tanto lo Stato di rovescio?

Da: ilfattoquotidiano.it

Decreti e crisi di governo, il futuro di Conte è legato alla gestione degli aiuti

 

Follow the money. Se vuoi capirci qualcosa della crisi di governo, vagheggiata, anticipata o solo sperata, prendi una penna e fai un’addizione. La sfortuna di Giuseppe Conte di dover governare un Paese boccheggiante, con le terapie intensive piene e le fabbriche vuote, si sta rivelando come la più grande opportunità che un politico possa immaginare: avere un borsino della spesa decuplicato. A conti fatti da qui al prossimo autunno i danari spesi o solo pianificati supereranno di molto i cento miliardi di euro. La somma delle misure, quelle contingenti e straordinarie già assunte, e le altre che arriveranno dall’Europa, tracceranno il suo destino. E’ proprio il portafoglio pieno di ricchi assegni che il presidente del Consiglio si trova a poter staccare ad essere fonte dei suoi possibili guai futuri.Quelle andate in onda oggi, con la votazione delle mozioni di sfiducia al ministro della Giustizia Bonafede, sono solo prove tecniche, approssimazioni della capacità delle opposizioni di cooptare pezzi di maggioranza per aprire la porta al “nuovo”. Nessuno sa cosa sia questo nuovo, e nessuno conosce dove sia. Ma la suggestione è sufficiente a stimolare gli appetiti. Legittimo che chi fa politica intenda esercitarsi al governo del Paese. Meno serio è però che chi al governo già è salito, pensi ora a come scenderne ma solo per poi risalire.

Invece di avere il buon governo viene solo un gran mal di testa, vero Matteo Renzi?

Da: ilfattoquotidiano.it

Vincenzo De Luca, il Re modesto che ha salvato la Campania incoronato da Le Parisien (ma la copertina è un fake)

 

Il premio Modestino dell’anno va senza alcun dubbio a Vincenzo De Luca. Un neomelodico della politica, oggi anche neoborbonico che alla testa delle guarnigioni del Sud tiene in scacco i barbari longobardi e un domani chissà.Scopriamo dal francese Le Parisien che sarebbe il nuovo “roi d’Italie”. Il Re modesto. Purtroppo era solo un fotomontaggio, peccato.

Comunque sappiamo, perché lui stesso ce lo ricorda ogni giorno, che ha fermato con i suoi micidiali lanciafiamme l’ecatombe. Una modestia senza pari per una regione che finalmente vanta una delle migliori sanità in Italia. Purtroppo un nutrito numero di riottosi ammalati, che presumiamo siano collegati alle disoneste centrali nordiste, scelgono incredibilmente altre regioni per farsi curare. Infatti la Campania spende 450 milioni di euro all’anno per saldare le fatture degli ospedali nemici e accompagnare i cittadini infedeli in queste continue e costose trasferte. Adesso però, nell’età d’oro del dopo Covid, i campani patrioti correranno in massa presso i nosocomi casalinghi dove troveranno la migliore assistenza e la migliore scienza.

De Luca è modesto assai. Se non avesse avuto davanti quei cialtroni del governo di Roma (lui non li chiama così ma lo fa pensare sempre) avrebbe rispedito il Covid direttamente a Wuhan.

La pandemia è una malattia infettiva. Ma altre infezioni, di natura politica e psicologica, non sono meno acute e gravi.

Ps. Per chi non lo sapesse il deficit del bilancio pubblico nazionale è balzato a livelli mostruosi con la nascita delle regioni.

Per chi non lo sapesse la distruzione dei fondi europei, la loro dilapidazione in mille rivoli, gli sprechi e le ruberie sono un lascito e una responsabilità delle regioni, divenute nel tempo il circuito di una politica minore, spesso arraffona, spesso incapace. E il Mezzogiorno ne è stato il territorio più colpito.

Solo De Luca, il Re modesto, purtroppo non lo sa. E seppure lo sapesse ora non lo ricorda. E se anche lo ricordasse che senso avrebbe ripeterlo quando c’è da festeggiare?

 

Scurdammoce o’ passat, simm e Napule paisà.

Da: ilfattoquotidiano.it

Bosso, Arbasino, Masullo e Cordero: i ‘migliori’ che se ne sono andati sfuggendo al coronavirus

 

Ora che anche Ezio Bosso se n’è andato pare proprio che i migliori si siano dati appuntamento e abbiano scelto di fregarsene della pandemia e lasciare la vita per cavoli propri e senza avvisare. Non è soltanto il sorriso di Bosso che ci mancherà, il corpo aperto a ventaglio a raccogliere ogni filo di vento, ogni residua energia per rendere docile con la musica la malattia e privarla della sua crudeltà, e gioirne anche, per quanto si potesse.

Pure Alberto Arbasino, il sofisticato, funambolico, imprendibile Arbasino, ha voluto mettersi in viaggio. Lo scrittore sempre in movimento, mai conforme, ha deciso di dire bye bye. E subito dopo Aldo Masullo, filosofo illuminato, schivo oltre la misura, è stato un dono per Napoli, la città che ama apparire più che essere. “L’anima umana è come l’acqua ferma in uno stagno – scriveva Masullo mentre il virus, che non si è permesso di fargli visita, stava mietendo le sue vittime – Col tempo si imputridisce”.

Alla pandemia si è fortunatamente sottratto Franco Cordero, il giurista più dotto che sia venuto alla luce nel ventesimo secolo, troppo colto per poter essere letto da tutti. Eppure a lui dobbiamo il più prezioso ritratto, chiuso in un nomignolo, di Silvio BerlusconiIl Caimano.

Gli eccellenti se la sono squagliata. Il filosofo, lo scrittore, il giurista.

Mancava proprio il pianista: ecco Ezio Bosso.

 

Da: ilfattoquotidiano.it

Coronavirus, Conte e gli artisti. Il premier poteva dire meglio? Sì, ma la critica è strumentale

 

L’arte fa emozionare, e l’emozione condensa ed espande gli stati d’animo: il sorriso e il pianto, la riflessione o anche la gioia, lo stupore, la meraviglia. Il premier Giuseppe Conte per illustrare gli aiuti a chi fa teatro, cinema, musica ha detto invece che gli artisti “ci fanno tanto divertire e tanto appassionare”. Poteva dirlo meglio? Credo di sì. È una frase essenziale? Credo di no.

Quel che è davvero infantile, molto più del pensiero del presidente, è la modalità con la quale si è esercitata la critica. Si è proceduto ad amputare la passione (“l’artista fa tanto appassionare”) e a lasciare nella bocca di Conte solo il divertimento (“l’artista fa tanto divertire”).

La censura è servita a rendere più naif il personaggio, a segnarne l’inadeguatezza, con un sottinteso: è un presidente da Bagaglino.

Per affermare questa opinione si è proceduto a una operazione di censura, di taglio, di manipolazione. Un sotterfugio ridicolo e anche un po’ disprezzabile.

Conte è già narciso di suo, non è necessario obbligare anche chi non è cultore del suo lessico, spesso inutilmente spavaldo, a difenderlo.

 

Da: ilfattoquotidiano.it

Coronavirus, nella lotta alla bugia di Stato gli italiani possono guardarsi allo specchio

 

Quante bugie diciamo ogni giorno?
Quanti bugiardi abbiamo scoperto?
Sulle mascherine dice bugie il commissario Domenico Arcuri, che afferma che ci sono e pure in abbondanza, o i farmacisti e i loro distributori che affermano il contrario?

E sui migranti da regolarizzare? È bugiardo chi pensa che solo togliendoli dalla clandestinità si dà a loro la possibilità di un salario decente e una vita dignitosa, oppure chi spiega, come la Lega e i Cinquestelle, che in questo modo si procurerebbe un danno al lavoro degli italiani?

È bugiardo Giuseppe Conte, il Presidente del Consiglio, quando dice che lui fa? Oppure l’opposizione quando lo accusa che lui dice soltanto?
Nella lotta alla bugia di Stato gli italiani hanno la possibilità di guardarsi allo specchio e di interrogarsi però anche sulle proprie.
A tutto ciò che facciamo finta di non vedere, ai vantaggi ingiusti che otteniamo profittando della babele, alle regole che vorremmo fossero scritte solo per gli altri e alle deroghe che invece invochiamo per la nostra coscienza.

 

Da: ilfattoquotidiano.it

Silvia Romano, l’Italia si conferma spietata con i deboli e remissiva con i delinquenti

 

L’olezzo dei commenti sulla liberazione di Silvia Romano è tale che non basta turarsi il naso. Il tono di tante crudeli parole ci restituisce un selfie perfetto dell’Italia. Un Paese capace di grandi cadute di civiltà, che tiene dentro di sé serbatoi illimitati di razzismo, che appena può si mette a bastonare, voglioso di un’altra prova del sangue.

La tunica di Silvia, la sua conversione all’Islam, è un delitto inaccettabile che la mette fuori dal consesso civile, che le fa meritare le ingiurie e le molte domande con la risposta incorporata: perché abbiamo pagato? Sottinteso: perché abbiamo dovuto pagare un riscatto per una come lei, che sicuramente sta dalla parte dei cattivi altrimenti non avrebbe abbandonato i jeans e avrebbe continuato a credere nel nostro Gesù.

Lo chiedono quelli che, parlando di Africa, dicono ogni giorno “aiutiamoli a casa loro”, e poi dimenticano di averlo detto. Perché in Africa, a dare un aiuto, ci va gente come Silvia non come loro.

La codardia, questa voglia di bastone contro il più debole, è l’espressione drammatica di una opinione pubblica sempre remissiva con i forti, collusa anche con i delinquenti, organizzati o meno, silenziosa anche davanti alle soverchierie più indigeste.

Il seme del razzismo che è dentro il giudizio su Silvia è quello che consente di sopportare che nelle campagne ci vadano i nuovi schiavi, quelli dalla pelle nera, gli affamati, i clandestini. Sono gli stessi che accettano le peggiori illegalità e non vedono, non sentono, non si inquietano.

Si levano accuse, si intimano rese dei conti quando al centro della scena c’è una ragazza salvata dallo Stato, una cittadina che ha ottenuto l’attenzione e l’aiuto che ciascuno pretenderebbe per sé nel caso si trovasse nelle medesime condizioni.

Invece il nulla quando falange di affamatori derubano, sprecano, sporcano la nostra vita.

 

Da: ilfattoquotidiano.it

Coronavirus, i Navigli di Milano come Napoli o il lockdown ha fatto cadere i pregiudizi?

 

È Milano che assomiglia a Napoli? Oppure, in questo drammatico e un po’ fantastico lockdown, anche gli stereotipi hanno avuto la peggio? Perché era Napoli la società caciarona, indisciplinata, illegale. A Napoli finanche la prossemica, il modo di parlare, il tono della voce, il rito del contatto come comunicazione confligge col distanziamento, la solitudine, la chiusura di noi in noi stessi. E invece la foto milanese sui Navigli sostituisce, nella classifica dello stereotipo, quella perfetta, che doveva essere solo napoletana: un vicolo del quartiere Sanità.

Evviva se la pandemia ci obbliga a fare i conti con il pregiudizio, che è la prima e la più crudele delle disgrazie della nostra società.

E senza alcun pregiudizio possiamo continuare a valutare le cose per quelle che sono, non per come appaiono.

Ora abbiamo una nuova stella nel firmamento politico: Luca Zaia, il governatore del Veneto. Bravo perché, lui dice, non ha mai chiuso la regione, bravo perché si è affidato a un virologo, Andrea Crisanti, che ha capito le cose da fare presto: testare, tracciare, trattare il paziente. Le famose tre T. Bravissimi tutti e due, e infatti in televisione oggi spopolano.

Ma non ci viene da chiederci che, a parte il focolaio di Vo’ Euganeo, un paesino di tremila abitanti, di uguale se non più piccole dimensioni di quello scoppiato nel Lazio (Fondi e due comuni del reatino), Campania (Ariano Irpino e Vallo di Diano), Sicilia (Agira e Barrafranca) l’aver tenuto aperte un numero superiore di imprese attraverso il sistema tartufesco del silenzio-assenso, ha prodotto un costo in termini di morti di tutto rispetto. Il Veneto ha 1.589 deceduti ad oggi. È stato un costo sopportabile? Ne abbiamo mai parlato? Discusso? Il vicino Friuli, l’altra gamba del nord est, ha chiuso di più e ha patito meno lutti: 379. E la Campania solo 308.

Il Veneto non ha mai chiuso ma molti più veneti che campani (o friulani, o toscani o siciliani) hanno conosciuto il cimitero. Perciò anche nelle valutazioni favorevoli viene prima il giudizio o il pregiudizio? La Toscana che ha a Prato la più alta concentrazione di cinesi, la più grande filiera industriale straniera in Italia, il più intenso traffico sia con Pechino che con le regioni di Wuhan, paga un prezzo assai più basso in termini di vite e di contagiati. E non era l’Italia intera ad aver paura dei cinesi? E non è stato Luca Zaia, il politico oggi in alto nei sondaggi, a chiedersi come fosse possibile che non mettessimo in quarantena già a gennaio tutti coloro che provenivano da quelle terre?

Era giudizio? Era pregiudizio?

 

Da: ilfattoquotidiano.it

Coronavirus, se i soldi a fondo perduto alle imprese sono una “giusta spinta” e i soldi a chi è senza lavoro sono bieco assistenzialismo

 

Sono le parole a fare bella una faccia. Se lo Stato sgancerà quattrini alle imprese darà la giusta spinta alla ripartenza. Se quello stesso Stato immagina di non far morire di fame chi è rimasto senza lavoro, allora è chiaro che piega sul versante “bieco” dell’assistenzialismo.

Sono le parole a far bella una faccia. Se lo Stato immagina di finanziare un’azienda in difficoltà, non dovrà minimamente occuparsi di come quell’azienda spenderà i soldi ottenuti. Si chiama apposta fondo perduto. Perduto e dimenticato. Altrimenti, se si vorrà mettere becco, o solo controllare dove diavolo finiscono quei danari, l’accusa è già pronta: state mica pensando di sovietizzare l’Italia?

Sono le parole a far bella una faccia. Se nelle campagne a raccogliere la frutta e gli ortaggi, a pulire le stalle, a spezzarsi la schiena ogni giorno per dieci ore al giorno ci va gente senza contratto, senza diritti, senza dignità, beh allora sì che possono essere arruolati. Se a quegli stessi uomini venisse concesso il diritto a un contratto, allora no: prima gli italiani!

Dividere il mondo tra buoni e cattivi e poi scegliersi sempre la parte del buono.

Perché non sono i fatti ma le parole a far bella una faccia.

 

Da: ilfattoquotidiano.it