Tutti pistoleri, hip hip urrà!

Evviva, da oggi tutti con la pistola! Entra in casa qualcuno? Sparo. Aleggia un’ombra in giardino? Chiedo chi è, e poi sparo. Sbuca un malintenzionato nel retro della mia fattoria per fregarmi la benzina del trattore? E’ già la quinta volta che accade, ora basta: sparo.

E’ legittimo difendersi, è sacrosanto tutelare la propria tranquillità. Chi può essere in disaccordo? Chi può pensare che sia da tutelare il ladro e non il derubato, colui che ci mette paura, che usa violenza?

Prima di arrivare allo sparo, prima di alleggerire la nostra coscienza mettendoci in tasca un’arma da fuoco con la quale non abbiamo mai avuto dimestichezza e grazie alla quale potremmo far più guai di quelli previsti, il Parlamento avrebbe dovuto mostrare il medesimo impegno nel ricercare e punire i delinquenti, di piccola come di grande taglia.  L’ha fatto? Riesce a garantire la sicurezza, per la quale noi siamo chiamati a contribuire economicamente? Riesce a individuare e soprattutto a rendere efficaci le sentenze? Riesce a punire chi delinque?

Per dare una logica al pensiero, bisognerebbe chiedersi, prima di gridare urrà a questa nuova legge, perché le vecchie leggi non sono osservate, perché intere zone sono sottratte al controllo, perché oggi sia divenuta una pura formalità, senza seguito alcuno, andare in commissariato a sporgere denuncia per furto.

Insomma, se il ministro dell’Interno ce lo vuole dire, spieghi perché la percentuale delle forze dell’ordine in rapporto agli abitanti sia tra le più alte d’Europa, ed esiste tutto questo disordine.

Da: ilfattoquotidiano.it

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>