Luigi Di Maio, ministro per le Attività produttive, ha passato a Raffaele Cantone, il presidente dell’Anac, l’anticorruzione, il dossier sulla vendita dell’Ilva alla multinazionale indiana Arcelor Mittal. Che veda, controlli, indaghi, verifichi se l’acquisizione è corretta dopo che il governatore della Puglia Michele Emiliano ha denunciato zone d’ombra.

Molto impressionato è rimasto Carlo Calenda, predecessore di Di Maio, che di quella vendita è stato tutor.

Poco impressionato invece Matteo Salvini, l’unico che avrebbe da perdere qualcosa, avendo la Lega, ai tempi belli, investito 300mila euro in un bond corporate proprio di Arcelor Mittal.

Guarda tu come il mondo è strano!

da: ilfattoquotidiano.it

Share Button

Lascia un commento

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong> 

necessario