Quattordici dei suoi trentuno anni Paola li ha trascorsi segregata in casa, vittima delle turbe familiari, tolta dal mondo civile, dal suo bellissimo paese, Polignano a Mare, dalla scuola, dai suoi amici. Come ci ha raccontato “Chi l’ha visto?” l’11 gennaio, sapevano dell’oltraggio alla dignità e alla identità di questa ragazza non soltanto i parenti, ma i vicini di casa, le nonne che la sentivano piangere e, come ha confessato una di esse, piangevano con lei afflitte dalla incapacità di offrirle un aiuto.

Tutti sapevano tutto, primi fra gli altri gli assistenti sociali, che hanno pure verbalizzato le condizioni igieniche e ambientali disastrose in cui Paola versava. Dovevano sapere per forza anche i carabinieri della locale stazione, le altre autorità di Pubblica sicurezza, il magistrato della Procura territoriale.

Nessuno però ha liberato Paola dalla sua prigione. Nessuno che poteva farlo. Fino a quando il carro funebre non si è fermato sotto casa e l’ha trasferita al cimitero.Nella trasmissione televisiva di Federica Sciarelli era precedentemente andato in onda un analogo caso di pubblica inettitudine e disumanità: l’agonia fino alla morte di un uomo al binario 14 della stazione centrale di Napoli nell’attesa vana che un’ambulanza gli andasse in soccorso.

Ebbene, tutti abbiamo chiesto conto delle responsabilità degli operatori del 118 giustamente sottoposti a procedimento disciplinare e tutti speriamo che la sanzione nei loro confronti sia la più severa possibile. Invece il conto alle forze dell’ordine non è stato richiesto con la forza e la pubblicità che hanno accompagnato il caso napoletano, forse in omaggio a una retorica nazionale per cui coloro che portano la divisa non possono che essere integri, coraggiosi, devoti alla causa. Invece sappiamo che non è così,sappiamo che sacche di dabbenaggine e inettitudineesistono anche tra i carabinieri, i poliziotti e i magistrati.

La vita di Paola è stata infatti immolata sull’altare della disumanità, della trascuratezza, della assoluta mancanza ai doveri da parte di dipendenti dello Stato che sono pagati per svolgere l’unico compito del loro ufficio: far rispettare la legge, aiutare chi ha bisogno, testimoniare la civiltà agli incivili.

da: ilfattoquotidiano.it

Share Button

Lascia un commento

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong> 

necessario