Senza Facebook – Emma, dalla Costa Azzurra, lascia in mare 4 biglietti nel vetro. Mario li ha raccolti

La bottiglia di vetro con un tappo di alluminio rosso, quattro biglietti adagiati al fondo, una firma, Emma, e un luogo di partenza: Sainte Maxime, Costa Azzurra. Il mare l’ha condotta sulla spiaggia che unisce Petrosino a Marsala, appena sotto Trapani, intercettando i piedi di Mario, dodici anni, che quella spiaggia frequenta ogni giorno e di quel mare conosce ogni increspatura.

Navigare è impegnativo e per una bottiglia ancora di più. Figurarsi poi al tempo di Internet, nella modernità che connette all’istante, riduce ogni spazio, risolve ogni distanza. Perciò Mario ha capito subito, appena ha disteso i piccoli rotoli di carta ancora perfettamente integri, che la faccenda si faceva parecchio curiosa, anzi straordinaria. Lingua francese, grafia adolescenziale, uso del pennarello. Ogni foglietto un colore, ogni riga un pensiero sui destini del mondo, la felicità, la vita. È corso a casa, e poi con tutta la famiglia dal sindaco del paese: “Mario è un ragazzino speciale. La prima cosa che mi ha detto: non ho il telefonino e non uso facebook”, riferisce Gaspare Giacalone, il primo cittadino di Petrosino. È come se il destino l’avesse voluto ripagare da questa sua scelta di vita così lontana da apparire eccentrica, consegnandogli il messaggio in bottiglia, in quello che appare un cammino a ritroso di quasi due secoli, nella forma di comunicazione più poetica e più improbabile, più disperata, ultima eppure più coinvolgente. “Scriverò al mio collega sindaco di Saint Maxime spiegandogli l’accaduto nella speranza di rintracciare Emma, ragazza o adulta che sia”. Leggi tutto