bellaocenerellaSABRINA PINDO

Sono finiti i tempi della brava massaia che sorride alla telecamera e consiglia il detersivo che toglie lo sporco più ostinato. Basta con i petti forti e muscolosi di uomini senza volto che, come dice la voce fuori campo, non devono chiedere mai. A stabilirlo non è ancora una normativa, ma la cosa potrebbe presto accadere come conseguenza di un rapporto-iniziativa dell’Europarlamento contro le discriminazioni sessiste.
Niente più casalinghe diligenti che si struggono per tenere a bada i figli, cucire e contemporaneamente preparare il polpettone. Basta con l’uomo macho che -non so secondo chi di preciso- tutto sporco di grasso sarebbe tanto sexy. Una limitazione decisa, che diventa ancora più importante se lo spot va in onda nel pomeriggio, durante la fascia oraria riservata ai bambini e ai ragazzi, che sulla base di questi facili stereotipi potrebbero costruire la propria visione del mondo distorta.
Donne che lavano, stirano, tirano su i figli, fanno di tutto per la famiglia da mattina a sera. Donne mamme. Oppure ancora donne bellissime che ondeggiano sinuose, nude o quasi, accanto ad un’auto, dentro ad una doccia, sulla riva del mare. Donne sensuali. Per la serie o sei splendida o lavi i pavimenti. Non c’è scampo: bella o cenerella.
Secondo il Rapporto votato con 504 sì dalla maggioranza dei parlamentari Ue parte della discriminazione sessista dipenderebbe proprio dal modo banale in cui la vita viene presentata dalla tv. Ritratti caricaturali della realtà, gli uomini della pubblicità o guidano l’auto o riparano senza risultati un lavandino che perde. Le donne nella versione spot, invece, fanno il ragù in 5 minuti, si svegliano con la messa in piega già fatta e preparano colazioni faraoniche, stirano montagne di panni e alla sera sono ancora fresche come le rose.
Ottima idea quella di limitare gli stereotipi televisivi. Almeno i bambini avranno una visione più realistica del mondo che li aspetta. Peccato che, in ogni caso, sarà comunque sempre necessario un adulto accanto a loro, che siano davanti alla tv oppure no. Figure genitoriali sempre più assenti che dovrebbero spiegare ai più piccoli le cose del mondo. Quelle che vengono dal tubo catodico e quelle che ahinoi succedono fuori dalla nostra finestra.

Share Button

Comments are closed.