Mazzette formato micro, nei casi più disperati e compassionevoli una fritturona di calamari, un cesto di cozze pelose, qualche riccio di mare e comunque, al massimo, cadeau proletari da 500 a 1.500 euro. Senza strafare, senza lussi da jet set e senza farsi notare.

È LA CORRUZIONE prêt-à-porter, il fascicolo speciale dei giudici ghiottoni chiamati oggi dai tribunali a rendicontare il loro vizietto. Magistrati tout court, o anche e soprattutto professionisti votati alla toga onoraria, delegati a dirimere le controversie tributarie. Cioè i soldi che lo Stato, quando li pretende e non li ottiene, avanza con domanda giudiziale. E Orazio Quintavalle, ex giudice tributario, presidente della commissione regionale, ha elencato proprio due giorni fa al Tribunale di Bari che lo processava insieme ad altri 23, tra colleghi giudici, avvocati e commercialisti, le sue colpe confessando i suoi peccati: “Riuscivo a pilotare l’assegnazione dei fascicoli”.

Il “pilota” Quintavalle elargiva ai sottoposti poche decine di euro, nei momenti difficili e per vertenze complicate si raggiungeva il tetto dei 1.500 euro, trattenendo il resto delle somme a sua disposizione, disponendo e apponendo il suo visto a “sentenze già scritte” dai patrocinanti corruttori. Piacevole e indiscutibile pratica, che sembra conosciuta da Milano a Catania, con la quale l’amministra – zione della giustizia, nella sua versione tributaria, attende ai suoi doveri. Se una rondine non fa primavera, due già annunciano qualcosa di buono, tre confermano l’auspicio, quattro lo irrobustiscono.

QUANTE rondini servono per fare un giudice ghiottone? Parecchie, perché la torta che fa brillare gli occhi e allargare lo spazio della giacca (arrestato tempo fa in flagranza a Milano Luigi Vassallo mentre infilava in tasca cinquemila dei trentamila euro necessari a corromperlo) alla schiera, purtroppo sempre più nutrita, di magistrati un tempo esemplari che sono chiamati a dirimere controversie che nel 2016 costruivano la pila di 581 mila procedimenti per un valore complessivo di 50 miliardi di euro. A Milano si sono accorti che qualcosa non andava e i finanzieri hanno iniziato a truccarsi da avvocati, messo spie, atteso i clienti e soprattutto i magistrati. Cosicché, s’è detto, uno di loro, il Vassallo, è stato beccato con le banconote nel doppiopetto, una seconda, Marina Seregni, chiamata a rispondere dei suoi atti invero sospetti di gestione amicale delle controversie. Una società sarebbe infatti uscita indenne dal procedimento grazie ai servigi offerti, e dunque sollevata dal pagare un tributo di 14 milioni e mezzo di euro. Quando si dice della dea bendata! Questa sì che è felicità… E ai primi due indagati (uno arrestato anche) sono seguiti altri due arresti, altri due giudici tributari, uno di primo e l’altro di secondo livello a cui il gip ha perfino negato il patteggiamento.

SONO PARTICOLARI questi giudici chiamati dalle professioni liberali a svolgere il ruolo di inflessibili terzi, inquadrati nella burocratica rappresentanza delle commissioni tributarie, chiamate a dirimere vertenze fiscali di primo e di secondo grado. Ecco invece il piccolo laghetto di banconote sparse, mazzette dal sapore antico, oppure favori di ordine gastronomico o anche benefit di mobilità.

Perché a Catania il giudice Filippo Impallomeni è stato accusato di guidare a scrocco, servirsi delle auto disponibili presso un concessionario, cliente malfidato del fisco, e girare, girare, girare. Il concessionario avrebbe risparmiato circa 800 mila euro, il quantum da dare cassato dalla sentenza a lui favorevole. Il giudice invece ha potuto godere di un bel piacere: la guida assistita.

A Milano così, a Catania così, a Bari così. E anche a Foggia il magistrato Lorenzo Nicastro, ex assessore regionale all’Ambiente, è stato accusato di truffa e di falso per un pilotaggio di circa 168 sentenze tra il 2015 e il 2017. Lui ha negato: “Mai ricevuto alcun avviso, non ne so niente”. E magari sarà stata una sbadataggine degli inquirenti, un qui pro quo tutto foggiano. Eppure però un odorino di bruciato, che sta divenendo puzza vera e propria, avanza e spinge a ritenere che il vizietto sia piuttosto diffuso, e l’onda anomala della corruzione ex cathedra abbia bagnato i lidi di molte città italiane.

GLI INQUIRENTI esperti parlano da tempo di una “tangentopoli fiscale”, di un movimento corruttivo che accoglie una sempre più vasta schiera di giudici. I tributi si devono pagare, ma con la mozzarella in carrozza, lo spumante e qualche buono benzina anche no. È dunque questo l’equo compenso per l’evasione fiscale di massa? Pochi bigliettoni per i clienti più agiati, piccole elargizioni da parte dei più svantaggiati. Metodo a suo modo democratico e che punta a centrare lo spirito della Costituzione: la dazione è progressiva, come le tasse. Chi più ha, più mette nella busta. Alle brutte al giudice ghiottone va bene anche una cena, però senza barare sul vino.

Da: Il Fatto Quotidiano, 22 novembre 2017

Share Button

Lascia un commento

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong> 

necessario